THE CHURCH BRIGATE


Buongiorno!
Questo post mi piace tantissimo!!
Mettete un'antica chiesa sconsacrata, un gruppo di ragazzi e la passione per gli skates, ecco creato il Church Brigate, un progetto autofinanziato creato in Spagna da appassionati Skaters. 
Io trovo questa, un'idea geniale di ri-funzionalizzazione architettonica.....Un esempio che dovrebbe essere preso in considerazione nelle nostre città. Molti edifici vengono abbandonati quando basterebbe lasciarli nelle mani di persone volenterose e con idee per un loro riutilizzo. 
In questo caso lo spazio è stato il punto di partenza. Un luogo ampio e completamente coperto in cui vi è stato possibile costruire una rampa per le acrobazie. Oltre all'aspetto puramente funzionale, questo progetto crea legami sociali, nuove conoscenze, esperienze e condivisioni. Aspetti che negli ultimi anni per colpa dei social network si sono persi! Sicuramente un ambiente in cui anche i più giovani possono trascorrere ore in sicurezza, ben lontano dalla strada e dalla sua, a volte pessima, realtà. 
Non molto tempo fa, l'artista Okuda San Miguel ha messo mano sulle superfici. Come lui stesso ha accennato in una intervista, si è innamorato subito dell'idea di utilizzare come tela bianca le pareti di questa architettura. Dopo una campagna di crowdfunding di successo attraverso Verkami e la collaborazione con sponsor come sponsor come Red Bull, Colore Montana, Miller Divisione, e Socketines, l'artista  è stato in grado di raccogliere abbastanza fondi per comprare vernici e strumenti. I colori, e la sua fantasia iconica chiamata Kaos Star, diventano un capolavoro che si sposa alla perfezione con lo spazio e la nuova destinazione d'uso. Con l'assistenza di tre anime creative - Antonyo Marest, Pablo Hatt, e MisterPiro, San Miguel è stato in grado di completare il tutto entro sette giorni. 
La Chiesa Skate si trova nella città spagnola di Llanera, nel principato nord-occidentale delle Asturie in Spagna. Chiunque può passare di là provare la rampa, basta fare richiesta sul loro sito web.
Si può dire che qui lo skateboard è una religione!


Good morning!
Put an old converted church, a group of guys and a passion for skating, and here created the Church Brigades!
A self-funded project created in Spain by enthusiasts Skaters.
I find it a great idea of architectural re-functionalization ..... An example that should be taken into account in our cities. Many buildings are abandoned when it would be enough to leave them in the hands of helpful people and with ideas for reuse.
In this case the space has been the starting point, a spacious and completely covered where there has been possible to build a ramp for stunts. In addition to the purely functional, this project creates social links, new knowledge, experiences and shares. Aspects that in recent years because of the social network have been lost! A place where even the youngest can spend hours in safety, well away from the street and its reality.
Not long ago, the artist Okuda San Miguel puts his hand on the surfaces. As mentioned in an interview immediately he fell in love with the idea of using as a blank canvas the walls of this architecture. After a successful crowdfunding campaign through Verkami and collaboration with sponsors such sponsors like Red Bull, Montana Colors, Miller Division, and Socketines, the artist was able to raise enough money to buy paints and tools. The colors, and his imagination iconic called Kaos Star, become a masterpiece that blends perfectly with the space and the new use. With the assistance of three creative souls - Antonyo Marest, Pablo Hatt, and MisterPiro, San Miguel was able to complete the whole within seven days.
The Church Skate is located in the Spanish city of Llanera, in the principality of Asturias in northwestern Spain. Anyone can go there to try the ramp, just make the request on their website.

One can say that here skateboarding is a religion!



0 commenti:

Posta un commento

 


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica e non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. I contenuti dei post sono il frutto della libera manifestazione del mio pensiero, mentre quanto scritto nei commenti è di responsabilità dei rispettivi autori. Le fotografie e le immagini pubblicate sono di proprietà dell'autore o tratte da internet e valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse i diritti d’autore, si prega di contattarmi affinché provveda a rimuoverle.

Facebook

Instagram